termini tecnici - Elefantino Bianco

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

termini tecnici

i nostri consigli
GLOSSARIO SUI TERMINI TECNICI DEI TESSUTI

_

FIBRE NATURALI ANIMALI


LANA:                           fibra proveniente dal vello della pecora
PELO DI CAMMELLO: fibra proveniente dal sottopelo del cammello
PELO DI ALPACA:       fibra derivante dall'omonimo animale
PELO DI MOHAIR:       fibra derivante dalla capra d'angora
PELO DI CASHMERE:  fibra ricavata dalla capra tibetana
PELO D'ANGORA:       fibra prodotta dal coniglio d'angora
SETA:                           filamento prodotto dal baco di seta

FIBRE NATURALI VEGETALI


COTONE:   fibre che costituiscono la peluggine dei semi del cotone
LINO:         deriva dalla pianta del lino
CANAPA:   ottenuta dalla pianta della canapa

FIBRE ARTIFICIALI


RAYON (VISCOSA, MODAL, ACETATO, CUPRO): derivano dalla cellulosa rigenerata per mezzo di prodotti chimici
FIBRE SINTETICHE: (fibre ottenute per sintesi chimica)
POLIAMMIDE: (esempio Tactel)POLIESTERE: (esempio Terital)
ACRILICO: (esempio Leacril)
POLIPROPILENE: (esempio Meraklon)
ELASTOMERICA: (esempio Lycra)

I VARI TIPI DI TESSUTI


CARDATO: filato o tessuto a fibre parzialmente parallelizzate
PETTINATO: filato o tessuto a fibre estremamente parallele da cui le fibre molto corte sono state rimosse
LAMBSWOOL: lana di agnello, normalmente cardata
SHETLAND: lana della pecora delle isole Shetland. Nome normalmente usato anche per le imitazioni
MELANGE: colore ottenuto mescolando fibre tinte in diversi colori
MOULINE': filato ottenuto ritorcendo fili di colore diverso
FOLLATURA: sorta di lavaggio energico per far rigonfiare e rendere soffici i tessuti e le maglie calate
MERINO: la razza di pecore che produce la lana più fine (da 17 micron a 24 micron - micron = millesimo di millimetro)
TASMANIA: isola del sud dell'Australia, produttrice di lane merino molto fini
INTARSIO: lavorazione a maglia che consente di realizzare disegni usando fili di colore diverso nello stesso rango di maglia
JERSEY: tessuto a maglia che viene tagliato e cucito come tessuto a navetta
DIMINUITA (MAGLIA): maglia totalmente sagomata senza tagliare le parti che la costituiscono
PILLING: formazione di "palline" di fibra sulla superficie del tessuto e della maglia(il pilling non è altro che l'accumularsi delle fibre corte del filato, che a causa dello sfregamento che avviene durante l'uso si staccano, portando alla formazione di palline o di una peluria che appaiono in superficie. Questo fenomeno si verifica prevalentemente sui capi realizzati con filati pregiati, con una mano morbida e non deve assolutamente essere ritenuto un segno di minore qualità delle materie prime utilizzate. Dopo alcuni lavaggi a mano la formazione del pilling si ridurrà fino a scomparire quasi del tutto. E' meglio lavare la vostra maglia una volta in più, che una volta in meno: eviterete così un accumulo eccessivo di pilling, salvaguardando la vestibilità e la forma del capo.)
COOL WOOL: definizione che, in abbinamento al marchio "pura lana vergine", qualifica prodotti leggeri particolarmente adatti alla stagione primavera - estate
STONE - WASHED: effetto invecchiato, abraso
ELASTICIZZATO: tessuto a maglia realizzato utilizzando un filo elastomerico per conferire elasticità al tessuto
MICROFIBRA: fibra sintetica, generalmente poliestere, viscosa o acrilico. Il diametro della singola fibra è inferiore a 0,4 denari, cioè circa 6/7 micron

 
Torna ai contenuti | Torna al menu